alebegoli

pensieri, letture, allegrie e sconforti di una che fa le cose con passione

Archivio per il tag “sconforti”

Pensieri a caldo di una scrutatrice renziana, il lunedì mattina

Ieri mi sono alzata alle 6 e nemmeno un’ora dopo pedalavo nella nebbia per andare ad aprire il mio seggio, il Ravenna 3 in via Landoni.

Per tutta la giornata (tranne un paio d’ore di cambio da parte di un’altra volontaria) sono stata al seggio, insieme a un’altra decina fra scrutatori e rappresentanti di lista. Alle otto di sera abbiamo chiuso (nessuno in coda fuori, anzi negli ultimi 5 minuti proprio nessuno), abbiamo ricontrollato il conteggio dei votanti (tenuto costantemente aggiornato durante il giorno), abbiamo aperto l’urna, contato i voti (Bersani 368 Tabacci 4 Puppato 10 Vendola 102 Renzi 326), trasmesso i dati, preparato e firmato i verbali, impacchettato tutto il materiale, rimesso a posto tavoli e sedie. Alle 22 avevamo chiuso tutto e ci siamo salutati; dopo circa 40 minuti a Ravenna si conoscevano già i risultati definitivi a livello provinciale.

Sto scrivendo questo post che è quasi l’una, i seggi sono chiusi da 17 ore, e ancora non si riesce a capire quale sia il numero esatto dei votanti, né le percentuali.

Sarà l’arretrato di sonno, sarà il lunedì mattina, ma io ho molti motivi di sconforto. Dato che non mi piace far finta, facciamo che li scrivo così magari facendoli uscire da me mi fanno un po’ meno male.

Il risultato nazionale

Nei comitati Renzi eravamo convinti che, col crescere dell’affluenza, ci sarebbe stato un testa a testa fra Renzi e Bersani, e invece con oltre 3 milioni di votanti ci sono vari punti di distacco. Sì lo so che domenica si riparte da 0 a 0, ma non facciamo finta, sarebbe stato meglio avere un primo tempo in pareggio.

Il risultato del Sud

Amici meridionali, vi sta bene l’esistente, oscillate fra la sicurezza dell’apparato bersaniano e l’utopia massimalista di Vendola, e nel frattempo non sapete nemmeno gestire decentemente un’operazione facile facile come dividere le schede in cinque mucchi. Sapete che c’è? ne ho le palle piene di farmi carico dei vostri problemi, oggi sono un po’ più secessionista di ieri, spenderò a Sud i soldi delle mie vacanze ma basta.

L’età media dei votanti

Al mio seggio – domenica prossima farò il conto esatto con le date di nascita degli elenchi – l’età media dei votanti secondo le mie stime superava i 60 anni.

Sono venuti a votare centinaia di anziani, alcuni portati apposta dai compagni di partito, ma la maggior parte sulle proprie gambe, ben contenti di esercitare il proprio diritto di scelta; poche decine di quarantenni e cinquantenni, ancor meno trentenni e ventenni, tre diciottenni al primo voto.

E non è che questo abbia favorito particolarmente Bersani rispetto a Renzi, anzi, è un 45% contro 40%, per Renzi un risultato migliore del nazionale. E non erano elettori di destra (per quanto idiota sia scandalizzarsi perché elettori di destra decidono che gli importa votare alle primarie del centrosinistra perché evidentemente valutano interessante una delle ipotesi di premiership che ne potrebbe uscire): anche se il mio seggio è in un quartiere ricco, la stragrande maggioranza di questa gente veniva salutata con affetto dagli altri scrutatori, era “gente nota”.

Del resto ai banchetti in piazza (non solo il nostro, anche quelli degli altri candidati) si fermavano quasi solo gli anziani; giovedì sera a sentire Renzi a Ravenna i più giovani erano i ragazzi del comitato (io fra loro la più vecchia), la platea era in gran parte coi capelli bianchi.

Ne deduco che ai giovani (alla stragrande maggioranza dei giovani) non gliene frega un cazzo del proprio futuro, o meglio aspettano che qualcuno glielo risolva, gli trovi un lavoro, gli passi la paghetta, gli passi il compito da copiare, ma nel frattempo loro non alzano nemmeno il culo dalla poltrona per venirti a dire come la pensano, cosa vorrebbero loro.

E non sto parlando del fatto che non votino Renzi (scelta lecita, ci mancherebbe), ma proprio del fatto che non votano e basta. La democrazia è una cosa per vecchi? Allora piantatela di lamentarvi per le scelte degli altri sulle vostre teste.

Ora mi farò un’altra settimana di campagna elettorale, perché non bisogna dar nulla per scontato e perché penso che davvero Renzi sia il miglior candidato possibile alla presidenza del Consiglio, ma stamattina mi sento una vecchia rompicoglioni, e la cosa migliore che mi sento di dire è che voglio far crescere mio figlio un po’ “hungry” perché impari a metterci anche del suo, se la vuole sfangare.

cosa fa notizia in Italia

Premessa: chi mi conosce sa benissimo qual è il mio orientamento politico e può immaginare che, se io dovessi votare alle Regionali del Lazio, il mio voto andrebbe senza alcun dubbio o esitazione ad Emma Bonino, donna di cui stimo preparazione, impegno e grinta.

Apprezzo molto l’ultima iniziativa dei Radicali, presentata in prima persona dalla Bonino, di cui sono venuta a conoscenza grazie al blog di Nicola Mattina: l’archivio consultabile delle spese sostenute dalla Camera dei Deputati, con importo, fornitore e note sull’ordine.

Aggiungo però un paio di considerazioni.

Nel programma elettorale della Bonino, come citato da Nicola, leggo che

“Per aumentare la responsabilità del governo, promuovere una partecipazione informata dei cittadini e creare nuove opportunità economiche, sotto la presidenza di Emma Bonino, ogni agenzia dell’amministrazione regionale sarà obbligata a rendere disponibili su internet tutti i dati pubblici in suo possesso …”

Ora, programma o non programma, la trasparenza riguardo ai costi della Pubblica Amministrazione è già un obbligo di legge. Esiste infatti una “direttiva trasparenza per i siti della PA”, che, in applicazione dell’articolo 11 del dlgs 150/2009 (riforma Brunetta), chiede a tutte le PA di:

“creare sul sito istituzionale una apposita sezione denominata “Trasparenza, valutazione e merito”, di facile accesso e consultazione, ove pubblicare obbligatoriamente: il Programma triennale per la trasparenza e l’integrità e il relativo stato di attuazione, il Piano e la Relazione sulla performance, l’ammontare complessivo dei premi collegati alla performance stanziati e di quelli effettivamente distribuiti, l’analisi dei dati relativi al grado di differenziazione nell’utilizzo della premialità per i dirigenti e per i dipendenti, i nominativi e i curricula dei componenti degli Organismi Indipendenti di Valutazione e del responsabile delle funzioni di misurazione della performance, i curricula dei dirigenti e dei titolari di posizioni organizzative, le retribuzioni dei dirigenti con particolare riguardo alle componenti variabili e alla valutazione di risultato, i curricula e le retribuzioni di coloro che rivestono incarichi di indirizzo politico – amministrativo, gli incarichi conferiti a dipendenti pubblici e a soggetti privati, retribuiti e non retribuiti (art. 11, comma 8)”

Quindi, il programma della Bonino si potrebbe anche tradurre in “faremo rispettare una legge che esiste già”. Fatto non scontato in Italia, anzi forse rivoluzionario, ma per favore chiamiamo le cose col loro nome.

La seconda cosa che mi sconvolge è che, per ottenere i dati di spese della Camera dei Deputati, sia stata necessaria una battaglia lunga tre mesi culminata in uno sciopero della fame. Ripeto: per ottenere da chi fa le leggi il rispetto delle leggi. Questo non è un paese civile.

crisi d’identità

Oggi avevamo in programma un seminario in Confindustria, per promuovere un nuovo servizio di cui siamo diventati rivenditori. Visto che nei giorni scorsi una consegna urgente ha impegnato lo staff fino al sabato mattina, mi sono organizzata reception, servizio presenze, modulo privacy. Nel frattempo, stamattina ci è capitato il classico casino spinoso del lunedì (variante di quello del venerdì pomeriggio), per il quale ho dovuto gestire telefonate lato clienti e fornitori e scrivere una lettera retorica e minacciosa.

In questi anni ho spesso desiderato un/una segretario/a efficiente, multitasking, veloce, con buona penna e capacità di gestire a dovere corrispondenza e telefonate, scegliendo ogni volta il tono giusto e l’opzione migliore (blocco / smistamento alla persona giusta / risposta diretta e risolutiva).

Stamattina, per la prima volta, ho pensato che potrei lavorare io come segretaria di direzione, ho tutte le qualità necessarie. L’ideale sarebbe farlo per un capo donna, così anche la coscienza politica sarebbe accontentata. A furia di farmi da personal assistant, non ho più tempo per dare disposizioni sensate a me stessa.

la nave affonda, musica maestro!

Ieri sera a casa dei nonni ho intravisto un po’ di TG1, saranno stati mesi che non lo guardavo. Il nostro PresDelCons mostrava al presidente cinese Hintao non so bene cosa, sbellicandosi dalle risa, i traduttori dietro in affanno e Hintao con un sorriso di circostanza visibilmente imbarazzato.

Cosa ci sia da ridere, non mi è chiaro. A me viene da piangere, mentre la reputazione del nostro paese scivola giù giù, oltre il punto del non ritorno.

il valore del servizio

Sto considerando l’idea di cambiare cellulare, acquistando qualcosa con cui potermi anche collegare a Internet per gestire un po’ di posta, twittare e ciacolare su Friendfeed durante i tempi morti di viaggi, appuntamenti, e simili.

Dato che sono pigra, in scarsità di tempo e con arretrati colossali, e, per quanto portabandiera delle GGD Romagna, mi sento troppo vecchia per essere realmente geek, ieri dopo pranzo mi son detta “beh, passiamo dal <nome di nota rete vendita di elettrodomestici e vari generi tecnologici>, è di strada, fanno orario continuato, di mercoledì alle tre non ci sarà nessuno, e i commessi saranno a mia disposizione”.

Sono arrivata, ho fatto un giro in zona Apple per soppesare il possibile prossimo notebook di cui urge l’acquisto, ho chiesto al ragazzo in zona se potetva darmi qualche indicazione sui telefoni, ma lui mi ha detto che era meglio chiedere direttamente alla sua collega del reparto telefonia; e così ho fatto.

La tipa dietro il banco mi ha guardata con aria un po’ scoglionata, e mi ha chiesto cosa cercavo; le ho spiegato che volevo orientarmi un po’ fra i vari modelli di cellulari, e che comunque ne cercavo uno con una tastiera QWERTY, perché lo avrei usato anche per navigare, gestire un po’ di posta, e simili; ma non sapevo bene se orientarmi su un Blackberry, un Nokia, l’LG fighetto Prada, il cugino LG praticamente uguale che costa un terzo… Insomma, volevo chiarirmi un po’ le idee ed ero lì per quello.

La sua prima reazione è stata quella di indicarmi dentro alle vetrine (che si è ben guardata dall’aprire) i modelli con la tastiera QWERTY: “questo, poi questo, poi quest’altro..”. Beh, grazie, la so riconoscere anch’io una tastiera, ho pensato, ma mi sono morsa la lingua e, cercando di assumere un tono gentile, ho risposto “Sì, lo vedo che questi hanno la tastiera, ma mi servirebbe capire quali sono le differenze fra l’uno e l’altro”. Rassegnata di fronte alla mia insistenza, ci ha pensato un po’, poi mi ha guardata negli occhi e mi ha chiesto “Ti faccio una domanda: tu ce l’hai Internet a casa?”. Ingenuamente, ho pensato che volesse valutare che uso facessi io di Internet, tipo quanto tempo sto collegata, se avrei usato il terminale mobile in viaggio, o simili.. Le ho risposto che certo, avevo ADSL sia a casa che al lavoro, e.. Mi ha interrotta, “Allora ti do un consiglio”, con l’aria di avere in tasca la soluzione ai miei dilemmi. Mi sono zittita, in attesa di ricevere indicazioni. Trionfante per aver trovato la risposta, ha sentenziato “Cercati i vari modelli su Internet, così ti studi bene tutte le caratteristiche”.

Le ho sorriso “grazie per il consiglio, sorella”. E ho pedalato verso l’ufficio, chiedendomi perché diavolo avrei dovuto studiarmele io, le caratteristiche dei vari modelli di telefonino, dato che di lavoro non faccio la commessa del reparto telefonia di un centro commerciale, e che comunque, se mi tocca studiare da sola su Internet quel che mi voglio comprare, perché poi disturbarmi a uscire per andarmelo a prendere in negozio? Mah. Il prossimo che sento dire che l’ecommerce fa perdere posti di lavoro e che Internet azzera il valore del servizio e del rapporto umano, lo mando a vendere brustoline sulla spiaggia.

cominciare male la giornata

Scorro velocemente la homepage del Corriere.it, e sfortunatamente inciampo nell’articolo di costume:

homecorriere

Ora, che nel 2009 io debba leggere nei titoli di un quotidiano nazionale che si da arie di serietà la frase “e ora si discute: meglio belle o intelligenti”, è una cosa che trovo deprimente. Sul serio.

a buon intenditor…

Il messaggio email arrivato ieri pomeriggio nella nostra casella aziendale:

> salve…
> sono in procinto di dover creare un sito web…è possibile avere un preventivo via e-mail????
>
> XXXXX  YYYYYYYYYYYYY
> ————————————————————————
> 5GB di spazio per i tuoi file online. È gratis, è SkyDrive! <http://skydrive.live.com/&gt;

La risposta che ho scritto a stretto giro:

è senz’altro possibile, ma ci serve qualche informazione aggiuntiva per formulare una proposta.

Può descriverci che tipo di sito serve (obiettivi, destinatari, eventuali funzionalità necessarie) o possiamo sentirci per telefono, in modo da avere più informazioni?

cordiali saluti

Alessandra Farabegoli

La risposta che avrei voluto scrivere:

Sì.

il corpo stupido

Da qualche mese vivo una strana esperienza, assai poco piacevole, e senz’altro imprevista: il mio corpo mi ha fatto uno stupido scherzo, mettendosi di traverso senza motivo apparente a intralciare il già difficoltoso slalom quotidiano fra un impegno e l’altro.

Un dolore alla spalla iniziato nella tarda primavera dell’anno scorso, e inizialmente attribuito a qualche Pilates di troppo, mi ha occasionalmente infastidita per tutta l’estate, trasformandosi in autunno in una scomoda presenza costante.

Un primo tentativo di affrontarlo con un ciclo di laserterapia non ha dato risultati, e mi sono ritrovata a fine anno con più dolore, da disturbarmi il sonno, e – con mio grande sconcerto – la spalla destra quasi completamente bloccata. Circa un mese fa una nuova visita ha dato finalmente un nome – capsulite adesiva, volgarmente detta spalla congelata – al problema, e mi è stato prospettato un periodo di riabilitazione a base di fisioterapia due-tre volte a settimana ed esercizi quotidiani di mobilizzazione della spalla.

Così mi sono messa d’impegno, e nei primi dieci giorni di lavoro ho recuperato circa 40° di estensione laterale del braccio (cioè a inizio dell’anno non riuscivo a sollevarlo più di cica 45° dal corpo, ora arrivo quasi a stenderlo lateralmente). Poi il miglioramento è rallentato, e adesso arranco per mantenere le posizioni raggiunte.

E nel frattempo, me ne vado in giro, abituandomi a portare la borsa a sinistra, a mettermi giacche e maglioni con movimenti attenti per non sforzare la spalla, a “tenere” gli abbracci irruenti di Guido facendo in modo che non gravino sul braccio.

E sono arrabbiata.

Arrabbiata di non poter fare tutte le cose quotidiane che ho dato sempre per scontate.

Arrabbiata di un limite piombatomi addosso senza motivo.

Arrabbiata del mio arrabbiarmi, per una cosa che probabilmente richiede solo pazienza, e si risolverà se non in due, in tre-quattro mesi, mentre ci sono guai ben più permanenti che capitano in giro.

Mi sembra che il blocco del mio braccio destro si traduca in un’incapacità più generale di agire, come se il mio corpo mi stesse mettendo di fronte a questioni che dovrei affrontare, e invece sto ferma, a fare esercizi mentali, e mi arrabbio invano.

Vorrei tirarmi fuori dal quotidiano, e resettarmi in santa pace, facendo pulizia e reinstallando solo quel che serve.

Il corpo è stupido, ma urla fastidiosamente nelle orecchie e imbroglia i pensieri.

tutti consulenti mi raccomando

Stamattina ho sentito con le mie orecchie un “consulente informatico” ribadire che, nella valutazione dell’utilizzo di un sito, sarebbe stato corretto considerare la somma dei “totali visite” più i “totali documenti e pagine aperte”. Cioè: se io vado sul sito una volta e apro dieci documenti, il dato numerico è 11; se ci vado 10 volte e ogni volta apro un documento, il dato che ne risulta è 20. Io e il cliente abbiamo provato a spiegargli perché era una cazzata cattiva idea, ma lui è rimasto della sua opinione. Questa è la gente che va in giro a spacciarsi per consulente. Io gli consiglierei di cuore di andare a zappare la terra.

Post scriptum: e se ci andassi io a zappare la terra? un piccolo podere in collina, aria pura, e meno stress.. un fucile a pallettoni per tenere lontani i rompicoglioni…

effetti collaterali

Un’influenza particolarmente aggressiva, portata a casa come spesso accade dal piccolo di casa, ci tiene reclusi dallo scorso weekend. Abbiamo avuto tutti e tre febbre alta, tosse, mal di testa. Abbiamo passato i primi giorni quasi a digiuno, spossati dai sintomi, dormendo o vegetando fra il letto e il divano. L’assistenza medica ci è stata data solo per telefono (ok lo so che siamo nel picco dell’epidemia e che i medici sono oberati, ma, soprattutto nel caso della pediatra di mio figlio, non sono entusiasta né della reperibilità né dell’approccio), e per fortuna che la settimana scorsa, in un momento di preveggenza, avevo fatto una scorta di paracetamolo.

Comunque, caso mai avessi avuto dei dubbi, l’esperienza mi ha confermato che la vita casalinga non fa per me, e che stare con mio figlio 24 ore al giorno per sette giorni su sette nuoce gravemente alla salute mentale di entrambi.

Navigazione articolo