alebegoli

pensieri, letture, allegrie e sconforti di una che fa le cose con passione

WordPress censura un blog su richiesta di John Ashfied?

Non si sentiva davvero la mancanza di un nuovo caso di “censura preventiva” nella blogosfera italiana, con l’aggravante della connivenza di WordPress.com..

I fatti:

  • Arianna Cavazza, alias Sybelle, scrive un post in cui analizza criticamente una campagna pubblicitaria di John Ashfield, marchio di abbigliamento british nel look, ma italiano nella realtà
  • fra i commenti al post, ne compare uno che estende la critica all’azienda stessa (“… si spacciano per “british” in realtà il prodotto è elaborato in una sorta di garage nella provincia di Forlì … la produzione vera e propria, poi, è fatta perlopiù in Bangladesh … dove la manodopera costa un fico secco..“)
  • a questo commento ne fanno seguito altri, rigorosamente anonimi, che, nel più puro stile retorico-legalese, difendono l’azienda (“..requisiti richiesti per un nostro dipendente sono la serietà,l’educazione e la tanta voglia di lavorare, credo quindi che il codardo che ha commentato con parole infami l’azienda, non sia in possesso delle suddette qualità, e per questo scarica la propria rabbia con chi glielo ha comunicato.Sono inoltre a comunicare al personaggio in questione che, il legale dell’azienda per un periodo di anni archivia tutti i dati personali di dipendenti passati ed attuali, non sarà quindi difficile risalire prossimamente al colpevole delle maldicenze..”)
  • senza nulla comunicare a Sybelle, WordPress di punto in bianco oscura il blog, per presunta violazione dei “terms of use”; dopo le proteste di Sybelle, il blog viene riattivato, ma senza il post “incriminato”; WordPress rifiuta (per ora) di motivare il proprio operato, suggerendo a Sybelle di contattare direttamente chi ha segnalato il post (cosa impossibile, perché i commentatori pro-azienda erano rigorosamente anonimi)

Chi volesse leggere l’intero post oscurato, può farlo grazie a una delle copie in cache di Google salvate nel frattempo da varie persone.

A quanto pare, le aziende italiane continuano a non capire che entrare a gamba tesa nelle conversazioni online fa molto più male alla loro reputazione di qualunque critica che possa comparire online. Gli zeloti della John Ashfield hanno guadagnato all’azienda un ottimo risultato d’immagine: erano anni che cercavamo qualche nuova case-history per sostituire quelle, ormai consunte, della Mosaico Arredamenti e del Bagno Wave, e ora sappiamo chi citare nelle prossime lezioni su “esempi di cattiva gestione della propria reputazione online”.

Nel frattempo, lo sputtanamento online sta dilagando: per farvi un’idea di quanta gente sta diffondendo l’episodio, leggete la discussione che si è sviluppata su FriendFeed.

Navigazione ad articolo singolo

4 pensieri su “WordPress censura un blog su richiesta di John Ashfied?

  1. Pingback: Censura su wordpress.com: il caso della campagna pubblicitaria John Ashfield – Wordpress.com censorship - | Il taccuino di Armando Leotta

  2. Pingback: Online Brand Reputation – il curioso caso John Ashfield. | {a}marg

  3. Pingback: Online Brand Reputation – il caso John Ashfield. – Andrea. Il blog.

  4. Pingback: Online Brand Reputation – il caso John Ashfield. - Andrea Margiovanni

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: