alebegoli

pensieri, letture, allegrie e sconforti di una che fa le cose con passione

terapia del piacere

Il weekend scorso l’ho passato a riprendermi dal male dell’ultima seduta di fisioterapia. La fisioterapista nuova, infatti, a cui mi aveva indirizzata l’ortopedico del famoso staff di punta per la cura della spalla, mi aveva allegramente massacrata, al grido di “sono dalla tua parte Alessandra”. Risultato: l’intero braccio dolorante per giorni, e un umore costantemente sull’orlo della crisi di nervi (della serie “per favore non chiedetemi come va che scoppio a piangere”), e raddoppio forzato della dose quotidiana di oppiacei.

Dopo aver passato il sabato e la domenica sottoterra, ho riflettuto su alcune cose:

  • tempo di risoluzione del problema prospettato dai fisioterapisti “gentili” con cui ho lavorato da gennaio a febbraio: due o tre mesi
  • tempo di risoluzione del problema prospettato dall’allegra torturatrice: sei mesi almeno
  • lista di attesa per un’eventuale operazione chirurgica: 5-6 mesi

Anche nell’ipotesi che il metodo “soft” dia risultati più lentamente del previsto, perché soffrire più del sopportabile? Non ho riserve di energia bastanti a sopportare dolore fisico non strettamente necessario.

Così ho deciso di annullare gli appuntamenti successivi, e di prendermi un paio d’ore il lunedì mattina per andare a trovare il mio amico Leo e ballare qualche tango, che erano mesi che non lo facevo. Abbiamo ballato, ce la siamo raccontata, e dopo – sarà stata la prima vera giornata di sole dell’anno – mi sentivo davvero leggera.

Sarà un caso, sarà che ho avuto un sacco di casini a cui pensare durante i giorni successivi, ma questa settimana la spalla mi ha fatto meno male.

O forse è vero quello che dico ogni tanto per scherzo, che la crisi si è manifestata a una spalla perché io mi carico come un mulo di ogni peso possibile, mentre ogni tanto dovrei prendermela comoda, smettere di guidare io la danza, rilassarmi e lasciarmi portare. Che ancora ballo bene, sapete?

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

Un pensiero su “terapia del piacere

  1. Pingback: sbloccarsi « alebegoli

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: